Gli sbagli più famosi in pasticceria

pubblicato in: Curiosità | 2

 

 

Gli sbagli più famosi in pasticceria

 

Gli sbagli più famosi in pasticceria
Gli sbagli più famosi in pasticceria

Chi ha sbagliato qualche preparazione almeno una volta nella vita?

Tranquillamente posso dire… tutti!

C’è chi, preso dalla disperazione ha buttato tutto e chi con intelligenza,ha cercato di utilizzare un qualcosa di “anomalo” e di “mal riuscito”.

La storia è piena di storie riguardanti errori famosi trasformatisi in dolci eccezionali e famosissimi.

Oggi un articolo relax, dove ti farò una carrellata di aneddoti sugli sbagli più famosi.

Torta Dobos

Gli sbagli più famosi in pasticceria
Gli sbagli più famosi in pasticceria

Per l’invenzione di questa torta dobbiamo ringraziare un ungherese,il Sig. Dobos:

un panettiere ,che mentre stava preparando una crema , si sbagliò mettendo dello zucchero al posto del sale. Senza farsi prendere dal panico pensò di utilizzarla comunque,senza sapere che il suo errore sarebbe diventato uno dei dolci più caratteristici d’Ungheria.

Ganache

Invenzione di fine ‘800,data dall’errore di un apprendista pasticciere che avrebbe rovesciato della panna bollente in una pentola piena di cioccolato fondente. Lo chef, preso dal nervoso,cominciò a gridare  “ganache” (imbecille) ma per non buttare tutto quel cioccolato provò a miscelarlo con la panna.

Questa crema ebbe un  successo incredibile  e si diffuse in tutta la Francia come una delle glasse/creme più apprezzate ed utilizzate.

Crepes Suzette

Nel ‘900  un commis  di Escoffier, mentre stava preparando le crespelle,versò nella preparazione troppo liquore all’arancia. Per far evaporare l’alcool in eccesso provò a flambarle: il  risultato fu sorprendentemente  buono  tanto che Edoardo VII volle sapere come si chiamasse quel dessert.

Il nome Crepes Suzette  fu conferito dal principe in omaggio alla figlia.

Tarte Tatin

Gli sbagli più famosi in pasticceria
Gli sbagli più famosi in pasticceria

Anche l’invenzione di questo dolce arriva dalla Francia.

Nell’800 ,nell’hotel delle sorelle Tatin,famoso ritrovo per cacciatori, mentre una di loro ammaliava i clienti, l’altra si dedicava all cucina.

Caroline stufa di stare sempre chiusa a cucinare, chiese alla sorella di scambiare le mansioni:

Stephanie, poco pratica in cucina, mise in forno la teglia con mele e zucchero, facendole caramellare, dimenticando però la pasta. Accortasi dell’errore cercò di rimediare aggiungendo la pasta brisèe adagiandola sopra, continuando la cottura. La torta venne presentata rovesciata risultando un dolce delizioso .

 

Kaiserschmarrn

Gli sbagli più famosi in pasticceria
Gli sbagli più famosi in pasticceria

Questo dolce doveva essere una frittata dolce per l’Imperatore Francesco Giuseppe.

Anche questa preparazione fu nata da un errore di una signora che dovette preparare qualcosa per i reali: dall’enorme agitazione della donna, questa frittata  dolce si bruciò attaccandosi alla padella e rompendosi  a pezzi.

Venne servita in estremis, tagliata a pezzettini irregolari su un piatto ed accompagnata con zucchero a velo e confettura di mirtilli.

Cookies

Nella prima metà del 1900, una signora stava preparando dei biscottini al burro per la sua attività:

nella lavorazione si accorse di non avere in dispensa il cioccolato usato solitamente e provò a sostituirlo con un cioccolato diverso, tagliandolo a scaglie. Invece di sciogliersi come l’altro cioccolato, rimase integro in cottura trasformando il biscotto in qualcosa di diverso ma sorprendentemente buono.

 
 
Ghiaccioli
Gli sbagli più famosi in pasticceria
Gli sbagli più famosi in pasticceria

L’invenzione è dei primi del ‘900 grazie all’intuizione di un ragazzino. In una notte d’inverno infatti, aveva dimenticato fuori dalla finestra un bicchiere di acqua e sciroppo con immerso un bastoncino, usato per mescolare. Il giorno seguente, provando a levare il bastoncino, si ritrovò con in mano un ghiacciolo vero e proprio.

 

Buon dessert…giustamente sbagliato!

Cerco e offro lavoro in pasticceria

Print Friendly, PDF & Email
calendario corsi di pasticceria

2 Risposte

  1. Buongiorno
    Grazie per i suoi articoli, è sempre un piacere fruirne.
    Non riesco a togliermi dei dubbi sulla conservazione della ganache al cioccolato. lei cosa consiglia?

    • Loris Oss Emer

      dipende dalla percentuale di acqua (ovviamente l’acqua della panna) contenuta nella ricetta: meno acqua libera c’è più dura la ganache. In ogni caso in frigorifero per non avere problemi.

Lascia una risposta