Savarin Montecarlo

pubblicato in: Ricette | 3

Savarin Montecarlo

 

Questo è uno di quei dolci che rimangono impressi.

Ricordo come fosse ieri la prima volta che lo feci assieme al mio insegnante di pasticceria: sono quelle cose che ti rimangono in testa fin da ragazzino.

Inutile spiegarti il profumo di un dolce a dir poco “inzupposo” come direbbe qualcuno (perdonami la battuta), con note agrumate associate alla cremosità della chantilly alla vaniglia ed alla freschezza della frutta fresca.

Le mode passano, i dolci tradizionali rimangono intatti.

Qui ti propongo la versione alcolica adatta agli adulti e la versione per bambini senza alcol.

Savarin Montecarlo
Savarin Montecarlo

Impasto

  • 100  farina forte (proteine 12,5%)
  • 70 farina manitoba (proteine 14%)
  • 10 g zucchero
  • 150 g uova intere
  • 20 g tuorlo
  • 60 g burro
  • 8 g lievito compresso (di birra)
  • pizzico di sale

Impastare con un’impastatrice o una planetaria farina, zucchero e lievito con una parte delle uova. Aggiungere il sale e il burro morbido un poco per volta e continuare ad impastare.  Aggiungere in seguito l’uovo rimanente. Questo impasto è molto morbido e nell’aggiunta degli ingredienti bisogna andare con cautela facendo attenzione a non farlo collassare.

Savarin Montecarlo impasto nello stampo imburrato
Savarin Montecarlo impasto nello stampo imburrato

 

Preparare uno stampo per savarin imburrato ed infarinato oppure passato con staccante spray.

Far lievitare l’impasto fino al raddoppio (dai 60 ai 90 minuti circa)

Cuocere a 170°C per circa 25 minuti.

Savarin Montecarlo impasto lievitato
Savarin Montecarlo impasto lievitato

 

Per la bagna puoi usare una delle seguenti opzioni per poter preparare un dolce sia alcolico che analcolico ossia adatto anche ai bambini.

Bagna analcolica

  • 400 g acqua
  • 280 g zucchero
  • 2 bucce di limone
  • 2 bucce di arancio
  • q.c. cannella

Mettere tutti gli ingredienti in una casseruola sul fuoco. Quando lo sciroppo arriverà a bollore ritirare e lasciar raffreddare lasciando le bucce in infusione coprendo con un coperchio.

Bagna alcolica

  • 400 g acqua
  • 260 g zucchero
  • 2 bucce di arancio
  • 60 g rum, maraschino, alchermes ecc.

Portare a bollore in una casseruola acqua, zucchero e bucce d’arancio. Raffreddare, filtrare ed aggiungere il liquore.

Crema chantilly

Amalgamare assieme delicatamente panna e crema pasticciera per ottenere una crema sostenuta.

 

Montaggio del dolce

Una volta raffreddato il Savarin e tolto dallo stampo immergerlo nella bagna (la bagna dovrà essere attorno ai 45°C).

Lasciarlo per qualche minuto fino ad un ottimale assorbimento dello sciroppo: toglierlo e metterlo su graticola sottile, griglia o teglia forata a sgocciolare.

Savarin Montecarlo dopo l'immersione nella bagna
Savarin Montecarlo dopo l’immersione nella bagna

Una volta sgocciolato e freddo lucidarlo con della gelatina per torte alla frutta e riempire il centro della ciambella con macedonia di frutta fresca poco sciropposa. Decorare con chantilly, frutta fresca e decori in cioccolato.

Buon dessert!!

Applicazioni per Smartphone

 

 

Corsi Pianeta Dessert
Segui Loris Oss Emer:

Docente e consulente di arte bianca

Ultimi post da

3 Risposte

  1. Buon giorno maestro.
    Puoi dirmi se dopo aver chiuso l impasto e preferibile farlo lievitare per una ventina di minuti e.poi ridargli forza in planetaria.
    Grazie per i tuoi innumerevoli consigli.

  2. Grazie Maestro Loris
    Ricette sempre interessantissime!!
    Può indicarmi anche quella x i Babà?
    Grazie infinite

    • Ciao Danilo, l’impasto dei babà con quello dei savarin differenzia sopratutto nella forma ma anche per la presenza di alcuni ingredienti (ad esempio panna ecc…). Io con quest’impasto faccio anche i babà e ti assicuro che diventano molto belli (e buoni)

Lascia una risposta